HOME

 

Galleria Spazia ritorna, dopo più di un mese e mezzo di chiusura dovuta alla zona rossa, con una mostra in linea con l’inizio della primavera, colori vibranti, energia e novità.

Il focus di questo nuovo allestimento è sul diverso rapporto degli artisti esposti con il colore: il cangiante e misterioso colore di Giulio Turcato, che sembra quasi impossibile da fissare e afferrare; il colore mentale di Claudio Olivieri, che cambia ad ogni sguardo e trasmette allo spettatore continue e sempre nuove sensazioni; lo sgargiante e quasi fluorescente colore di Pino Pinelli, che si fa materia opaca ma sempre brillante. Si incontra, poi, il più tenue e patinato di bianco colore di Pietro Capogrosso, che trasmette il senso del silenzio, dell’aria che resta sospesa, del movimento che si arresta. Proseguendo, gli incontri tra arte e letteratura, tra dipinto e testo dei monocromi color pastello di Simon Morley, che crea un dialogo tra l’oggetto nello spazio (il dipinto) e la storia (il testo di riferimento). Ci si troverà, poi, davanti il mondo dell’astratto quotidiano di Juan Olivares, dove ogni elemento, ogni accesa macchia di colore ha un riferimento reale e non è mai frutto di un gesto irruento o casuale. Infine, con un interessante contrasto rispetto ai limpidi colori di Olivares, si incontrerà il colore materico di Luca Serra, il cui gradiente cromatico sembra discendere direttamente dalle polveri di cemento, riflesso di luci ed ombre.

La mostra Colours non analizza solo il colore nella bidimensionalità della tela, ma prende anche in considerazione il colore vivo nello spazio: la ceramica rossa lucida e brillante di Giacinto Cerone (simile ad una fiamma nello spazio bianco della Galleria) che dialoga con il rosso smaltato della terracotta di Luigi Mainolfi, entrambe in contrasto con le sculture di Edgardo Mannucci, nelle quali dialogano il verde del rame ossidato e il color ambra del vetro di Murano, ricordando uno scorcio di natura.

Un percorso, quindi, volto ad indagare le infinite possibilità di utilizzo e significato del colore, in cui risulterà evidente il personalissimo e peculiare rapporto che ognuno di questi artisti ha con la propria tavolozza.

 

Galleria Spazia vi aspetta dal martedì al sabato dalle 15:30 alle 19:30. La mattina su appuntamento.

L’accesso alla mostra sarà consentito ad un massimo di 8 persone per volte.